Questa mattina, una ragazza di 18 anni ha dato alla luce una bambina, ha scritto un rifiuto per la bambina, ha chiamato un taxi e ha lasciato la maternità.

POSITIVO

Quando la sera sono arrivata alla maternità con le contrazioni, io e mio marito aspettavamo con ansia l’arrivo del nostro quarto figlio. A quel punto, la nostra famiglia era già “irrimediabilmente numerosa”.

Il mio secondo e il mio terzo figlio sono gemelli, anche se nella nostra storia familiare non c’erano gemelli. Così, durante la mia successiva gravidanza, la battuta principale in famiglia era: “E se fossero di nuovo gemelli?”.

I nostri nonni erano molto sorpresi e inizialmente hanno dovuto aiutarci molto. Grazie a un’ecografia, abbiamo potuto scoprire se si trattava di due gemelli o meno durante il secondo screening.

Ma no, il quarto “ninja” stava arrivando da solo. Finalmente tutto era alle spalle. Mi misero in una stanza singola privata che io e mio marito avevamo pagato in anticipo. Un paio d’ore dopo, mi portarono il mio bambino per nutrirlo.

Dopo qualche minuto, il primario entrò nella mia stanza e disse, con aria preoccupata: “Abbiamo un problema qui…

Questa mattina, una donna di 18 anni ha partorito una bambina, ha scritto un rifiuto di prendere il bambino, ha chiamato un taxi e ha lasciato la maternità.

 

Dopo il parto riusciva a malapena a camminare, ma non voleva rimanere in ospedale un minuto di più. Abbiamo dovuto lasciarla andare”.

Il bambino è così bello e sano. So che volevi tanto dei gemelli. – Ho pensato… Forse potresti prendere il bambino? – Potremmo scrivere che hai partorito… Ma non voglio mandare il bambino in un orfanotrofio. Che razza di vita è quella di un bambino? È straziante… Certo, è illegale.

Si può seguire la procedura ufficiale di adozione, ma ci vogliono mesi e non c’è garanzia che venga approvata. – E durante tutto questo tempo, il bambino sarà in un orfanotrofio.

È un peccato… Sinceramente, sono rimasta sbalordita… Conoscevo bene la caposala, Lyubov Stepanivna. Era una donna piacevole e molto gentile. Abbiamo parlato anche fuori dalla maternità. Probabilmente è per questo che mi ha avvicinato con questa proposta “scivolosa”.

Valuta l'articolo